Siti

A13 - BOSCO BUFALARA

Al confine tra Bernalda e Montescaglioso, il Bosco Bufalara è una lecceta, sita sul lato nord del fosso omonimo. Largo poche centinaia di metri e lungo 7-8 km, è così ricco di sottobosco e di pendenze elevate da risultare impenetrabile in molti tratti.

I vecchi sentieri realizzati da contadini, briganti e cacciatori sono stati recentemente bonificati e oggi, attraverso un varco, si può percorrere agevolmente il bosco per almeno 1km. Il Bosco è una risorsa naturale sorprendente e inaspettata, in considerazione della antropizzazione circostante, un percorso straordinario, un angolo ricchissimo di acque sorgive, flora (roverella, viburno timo, pioppo, erika arborea, lentisco, fillirea, edera, pungitopo, carpino, alloro, corbezzolo, strappabraghe, equiseto, acero, canne, rovi, salici, viti selvatiche, tamerici, funghi) e fauna (cinghiali, lupi, volpi, tassi, colombacci, upupa, merli, passeriformi). Il Bosco Bufalara è ricco di storia, in quanto è stato oggetto di lotte contadine e di un secolare contenzioso tra i due comuni interessati, risoltosi solo nel 1976 con l'assegnazione definitiva di un versante al Comune di Bernalda. Al Bosco è legata la storia dell'uccisione del Brigante Coppolone (1834-1865) che, datosi alla macchia per vari reati, nel 1865 fu ferito gravemente proprio nel Bosco Bufalara e morì poco tempo dopo. Il Bosco Bufalara, se adeguatamente preservato, dovrà essere consegnato alle future generazioni nello stato naturale in cui ancor oggi si trova. Un obiettivo realizzabile, considerato l'interesse che questo luogo ha suscitato negli ultimi anni, grazie anche al primo posto nazionale ottenuto nel 2010 al Concorso “La scuola adotta un bosco” dagli studenti dell'IIS di Bernalda.

 

 

Contatti

Piazza Plebiscito snc

75012 Bernalda (MT)

+39 0835 540 214